AUTOGESTIONE

Il blog continua a vivere con i commenti dei lettori .....

venerdì 5 aprile 2013

Terremoto assegnazione contributi come fare ???


Sulla home page del Comune di Bondeno è apparso il link che annuncia la pubblicazione dei dati aggiornati relativi al Terremoto. I dati sono particolarmente interessanti come potrete verificare :
Emerge immediatamente il numero assolutamente di rilievo delle ordinanze del sindaco riguardanti immobili abitativi, ma anche quello degli immobili produttivi. Altrettanto importante è il numero delle persone "coinvolte" (1.437) quasi il 10 % della popolazione.



Tuttavia a mio avviso la tabella non è completa ! (E ti pareva, dirà qualcuno di voi .....  Arnaldo deve trovare sempre qualche cosa che non va !!!)  
Nella tabella manca   il numero delle ordinanze di assegnazione di contributi a beneficio di immobili danneggiati. 
Cioè il numero delle pratiche di richiesta di contributo per i danni derivati agli immobili in seguito al terremoto. 
Ho fatto una breve ricerca e ne ho contate "solo" 18 ! 

Circa l' 1 % del totale degli immobili danneggiati e le scadenze dei termini per fare domanda si avvicina rapidamente , salvo proroghe sempre possibili. 
Questo che è un dato oggettivo e non una malignità del solito Arnaldo, è anche un dato assolutamente preoccupante. 
Le cause sono molteplici, tuttavia ritengo che la maggiore sia la complessità della normativa che non ha sicuramente favorito nè i cittadini, nè gli imprenditori. 
Ma non potevano traovare un altro logo ?

Il maggiore responsabile di questo stato di cose è sicuramente il commissario regionale Vasco Errani (o meglio i suoi tecnici), ma anche il comune ci sta mettendo del suo. 



Mi riferisco alla mancanza, almeno apparente, da parte del Comune di Bondeno,  di informazione ai cittadini sulla normativa e sulla sua applicazione, cosa che invece hanno fatto altri comuni terremotati del "cratere", uno su tutti il comune di San Pietro in Casale.  Questo comune ha convocato alcune riunioni con imprenditori e cittadini interessati per "fare formazione" per la presentazione delle domande e pubblicando le slide sul sito del comune http://www.comune.san-pietro-in-casale.bo.it/san-pietro-in-casale/collections/terremoto-archivio-notizie/sisma%20-%20capannoni.pdf .

I nostri amministratori hanno preferito andare in tournee nelle frazioni, con il "solito spettacolo" (teatrale), tutto autoreferenzialità e demagogia e niente informazioni pratiche per chi ha subito danni e vuole riparare il proprio immobile.

 E questi sono i risultati !!!

4 commenti:

  1. Cristina Tralli5 aprile 2013 15:43

    Mi sorge spontanea una domanda: le scuole medie sono state costruite in project financing (leasing) e noi cittadini di Bondeno ne stiamo pagando le rate. Secondo voi stiamo continuando a pagarle anche per la palestra che è INAGIBILE? Mi risulta di si. Come mai? Come mai non abbiamo sospeso il pagamento visto che non usufruiamo del bene per cause a noi non imputabili? Tra l'altro stanno andando in malora con infiltrazioni ecc. Quando farete qualcosa? Vedo teli di protezione anche sulle chiese, e da giugno dello scorso anno. Come mai per la palestra non si fa nulla per evitare l'aggravarsi dei danni? Non importa chi pagherà questi danni, una buona amministrazione ha il dovere comunque e sempre di limitarli al massimo perchè si tramutano in risparmi per tutti. Chi avrà il coraggio di rispondere?
    Grazie.
    Cristina Tralli

    RispondiElimina
  2. Il project è ben diverso dal leasing, forse sarebbe riuscito a comprenderlo la tralli (o forse no) se fosse rimasta in consiglio invece che dimettersi. fa orrore chi fugge le responsabilitá per criticare dall'esterno quello che ha fallito quando era il momento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Signora Tralli dimettendosi ha fatto la scelta giusta, lavorare con un branco di incapaci è molto difficile (opposizione e maggioranza tutti compresi) e con la su scelta ha dimostrato di non adeguarsi, L'unica cosa che fa orrore sono stati gli anni di governo di questa Giunta che ha portato Bondeno allo sfascio!!!!!

      Elimina
  3. Ciao Arnaldo, guardando la situazione "danni da terremoto" dall'interno, ossia dalla parte di un'ufficio comunale, io ho l' impressione che l'ostacolo maggiore siano i tecnici. Onestamente non capisco il motivo per cui in generale non informano i clienti sulla concessione dei contributi, ma spingono verso lo sgravio fiscale. Io penso che valga la pena di provare e, magari, chiedere, prima un parere all'ufficio competente per sapere se ci sono possibilità di avere il contributo. È certamente una procedura complessa, ma meglio dello sgravio del 50% in 10 anni.
    Forse le concessioni dei contributi del Comune di Bondeno sono poche , proprio perché pochi ne hanno fatto domanda, quindi non accuserei direttamente l'amministrazione.
    Vero e' che si poteva fare più informazione, gli interessati sono veramente poco informati, raccolgono notizie qua e la' senza avere certezze, così com'è vero che non possono certo mettersi a leggere le ordinanze commissariali di Errani.
    Non concordo con te nell'accusa ad Errani. A mio parere personale, stanno lavorando bene, o almeno ci stanno provando, hanno cercato di muoversi diversamente da quanto successo all'Aquila per impedire spreco di denaro. È naturale che tutti i giorni ci rendiamo conto che si poteva fare meglio, ma l'emergenza ci ha fatto lavorare in fretta e nei primi tempi, basandosi solo sul buonsenso.
    Grazie
    Claudia

    RispondiElimina