AUTOGESTIONE

Il blog continua a vivere con i commenti dei lettori .....

venerdì 11 gennaio 2013

CHE RAZZA DI RISPOSTA

Oggi è stato pubblicato il verbale della seduta del consiglio comunale del 4 dicembre relativo alla risposta all'interpellanza del consigliere Patrizia Micai sullo stato delle scuole a Bondeno dopo il terremoto. 
Oltre un mese per verbalizzare la risposta dell'assessore Vincenzi... 


VERBALE DI DELIBERAZIONE 
DEL CONSIGLIO COMUNALE
Oggetto: Risposta ad interpellanza presentata dal Consigliere Patriza Micai (PD) in merito alla situazione delle scuole pubbliche e private del Comune di Bondeno
omissis

Sono presenti gli Assessori: Pancaldi, Cestari, Vincenzi, Saletti e Poltronieri
IL CONSIGLIO COMUNALE
Il Presidente del Consiglio dà la parola al Consigliere Patrizia Micai (PD) che illustra l' interpellanza presentata in merito alla situazione delle scuole pubbliche eprivate del Comune di Bondeno;
Sottolinea che non è stato depositato il materiale come da Lei richiesto.


L’interpellanza registrata al protocollo dell' Ente in data 05 novembre 2012 al numero 28510, é allegata alla presente sotto la voce "A";
Il Presidente cede, quindi, la parola all’Assessore Vincenzi che risponde a nome dell’Amministrazione Comunale (All.B);
Il Cons. Micai (PD) chiede al Segretario se e quando è stato depositato ilmateriale richiamato dall’Assessore Vincenzi.
Il Segretario precisa che è stato depositato durante lo svolgimento della seduta consiliare.
Il Presidente ricorda che, in base alle disposizioni contenute nel Regolamento consiliare, alle interpellanze viene data risposta orale dal Sindaco o dall’Assessore delegato senza preliminare deposito di documentazione.
Al termine della trattazione, come sopra formulata, il Consigliere Micai Patrizia replica brevemente e si dichiara NON SODDISFATTA della risposta ottenuta.
Gli interventi suddetti sono registrati fonograficamente e conservati nell' apposita raccolta delle sedute consiliari a norma di regolamento.

Vi sembra possibile che ci siano voluti quasi 40 giorni per redigere e pubblicare un siffatto verbale ??? incredibile  !!!
Ma vediamo la risposta data da Vincenzi "leggendo" la lettera preparata dal dirigente Arch. Magnani : all B.
Quelle numerate sono le domande del consigliere Micai e quelle con la R sono le risposte che Magnani ha preparato per Vincenzi .




MA CHE RAZZA DI RISPOSTA E' QUESTA ???
Mi sembra che la serietà dell'argomento, meritasse un po' più di impegno, soprattutto da parte dell'assessore Vincenzi, che in più di una occasione si è fatto paladino della tutela degli alunni delle scuole, soprattutto di quelli di Stellata !
Io non ci ho capito niente,  nemmeno nel prospetto citato nella risposta e che vi riproduco di seguito. La trasparenza non è una dote di questa Amministrazione.





21 commenti:

  1. A me sinceramente sembrano molto chiare le risposte, un Po meno le domande....ma Arnaldo ti vuoi candidare nel Pd? Forse non conosci i termini del terremoto, ma le risposte dell'assessore sono di una facilita' e di una trasparenza così semplice...ma...

    RispondiElimina
  2. Sig.Aleotti cosa vuole che rispondano? Ad oggi l'Assessore Vincenzi e il suo scudiero Architetto Magnani non si sono sognati minimamente di presentare i calcoli strutturali inerenti ai lavori svolti nelle scuole ne tantomeno il certificato di Vulneranbilità sismica il cui termine di presentazione era il 31.12.2012!!!!! I genitori dei bambini hanno il DIRITTO di sapere se i propri figli vanno in scuole sicure.L'unica risposta che hanno ottenuto è stata quella di fidarsi sulla parola del Sindaco, SCANDALOSO!!!! (anche a San Giuliano si erano fidati degli Amministratori e tecnici Comunali!) Ma quando una persona presenta un progetto all'Ufficio Tecnico il sign.Magnani accetta certificazioni sulla parola? Cosa facciamo aspettiamo il prossimo terremoto per sapere se le scuole reggono o no?

    RispondiElimina
  3. Cristina Tralli11 gennaio 2013 12:00

    I "piccoli amministratori" quando non sanno come rispondere alle persone le attaccano tacciandole di fare polica per questo o per quello a seconda della convenienza. Ora vorrei ricordarvi che fare politica significa fare il bene della collettività, tutta, e chiedere anzi pretendere chiarezza, trasparenza, educazione, rispetto e professionalità non è di destra o di sinistra, nemmeno di centro, ma si chiama buon senso, serietà, senso civico. Tutti noi cittadini comuni dovremmo essere fieri di fare politica, fieri di volere il bene della nostra collettività ed impegnarci al massimo per ottenerlo. Dunque, per tornare sul pezzo, dove sono le risposte, dove sono ad esempio i calcoli di vulnerabilità sismica? Chi devo/dobbiamo cercare di voi "amministratori" se mia figlia e gli altri studenti/insegnanti, operatori scolastici, rimanessero vittima del terremoto mentre sono a scuola? Pretendo di saperlo. Cordialmente ma con la pazienza esaurita da tempo. Cristina Tralli

    RispondiElimina
  4. Brava Cristina, sono pienamente d'accordo con te. Quello che hai scritto è chiarezza, quello che leggiamo sopra è quello che si chiama oggi politica, cioè l'arte di parlare/scrivere ma non dire niente

    RispondiElimina
  5. Fabrizio Magnani11 gennaio 2013 12:54

    Cordialmente invito il Sig. anonimo delle 11:31 ad usare termini più rispettosi. Come giustamente rilevato l'argomento richiede massima serietà, i competenti uffici comunali sono incaricati per ogni ulteriore chiarimento tecnico. Cordiali saluti

    RispondiElimina
  6. Sign.Magnani qui di irrispettoso c'è solo il vostro comportamento nei confronti dei genitori.Le ripeto visto l'argomento di massima serietà e giunta l'ora di dare RISPOSTE e presentare CERTIFICAZIONI!!!! O è irrispettoso anche questo? Cordiali saluti da un genitore che non sa ancora se la scuola dove vanno i figli è sicura o no.

    RispondiElimina
  7. Paolo Patroncini11 gennaio 2013 14:03

    E ti pareva che l'Associazione Una Scuola per La vita non ci mettesse il becco? Non mi sottraggo e mi associo anch'io all'invito ripetuto e formulato a giunta e tecnici a dare risposte puntuali oltre che a badare, giustamente, alla forma di chi scrive in forma anonima. Sarò sintetico e rasento il ruspante: avete fatto le vulnerabilità si o no? Se no, quando? Siete tranquilli dei solai delle scuole dove ci sono dentro i nostri figli? Le risposte "ammesse" sono semplici: si o no e date. Un cordiale e rispettoso saluto.

    Paolo Patroncini (che ringrazia Aleotti per la pubblicazione di questo importante post e dubita che Arnaldo sia attiguo al PD...).

    PS, già che sono "in scrivere": Il 31 12 12 sono scaduti i termini di legge dell'Ordinanza OPCM
    3274/2003 per presentare le vulnerabilità sismiche degli edifici scolastici. Sono stati stanziati (almeno) 75mila € per farle (delibera 54 del 29-10-12). Se mi sbalio mi corigerete.

    RispondiElimina
  8. ILACQUA Giuseppe11 gennaio 2013 14:45

    Eccomi qua, qualcuno direbbe purtroppo! Concordo con tutto quello scritto dai compagni di viaggio dell'Associazione Patroncini e Tralli (ma su questo non vi erano dubbi) e nel contempo mi permetto di fare un'osservazione.Gli accertamenti sulla vulnerabilità sismica degli edifici scolastici è la prova del nove per verificarne il grado di sicurezza e conseguentemente accertare se gli stessi sono in regola con le vigenti leggi,le quali dicono che uno stabile deve raggiungere uno standard di vulnerabilità pari al 60%.Ora io mi chiedo da profano, se la scuola media di Vigarano Mainarda costruita negli anni 70 a seguito degli accertamenti sulla vulnerabilità fatti dopo i lavori di rafforzamento ha raggiunto solo il 37% , la maggior parte delle nostre scuole di Bondeno che hanno più di 100 anni, che grado di sicurezza potranno mai raggiungere? Domandare e lecito rispondere è obbligatorio!

    RispondiElimina
  9. E bravo Ilacqua Giuseppe, finalmente uscito dall'anonimato, solo due cose. Firmare anteponendo il cognome al nome e' evidente segno di bassa cultura meridionale, citare leggi che non si conoscono e' a dir poco grottesco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ILACQUA Giuseppe12 gennaio 2013 16:25

      Dimenticavo, nelle Forze Armate si firma anteponendo il cognome al nome, àt capì stramnà!!!!! (perdonami la licenza linguistica meridionale)

      Elimina
  10. ILACQUA Giuseppe (persevero)11 gennaio 2013 16:00

    Sign.Anonimo,il mio post è firmato il tuo invece? Visto che sei cosi acculturato saprai di certo che la firma anteponendo il cognome al nome è legalmente valida e per di più in rete e usatissima, visto che non si tratta di documento ufficiale o cartaceo. Poi se ti interessa il sotto scritto è nato a Ferrara e ha discendenze venete, perciò caro Anonimo razzista, prima di scrivere pensa allo scarso valore morale e intellettuale delle tue dichiarazioni.Come luminare delle leggi sulle certificazioni di sicurezza ti prego di mettere a disposizione di noi poveri naufraghi la tua grande sapienza in modo che anche noi un giorno potremmo nuotare nel tuo mare di ignoranza.

    RispondiElimina
  11. Non entro nella polemica con l'Amministrazione Comunale ma voorei esortare i genitori che hanno scritto in merito a questo semplice ragionamento. Voi chiedete i calcoli sulla vulnerabilità; quando li avrete cosa farete se sono favorevoli: questo vi darà la certezza che in caso di successivo terremoto le scuole non crolleranno? non credo. Poi mi chiedo. Avete fatto i calcoli sulla vulnerabilità delle Vostre case, dove i Vostri figli trascorrono la maggior parte del tempo? Lo sapete che molte famiglie, pur avendo la casa dichiarata inagibile hanno continuato ad abitarvi con i loro figli? Non vi sembra di esagerare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certezza no, rassicurazione si. Si. Si, buon per loro. No.

      Elimina
  12. Ilaqua ricordati che sei un servitore dello stato e fai parte della gloriosa arma...ricordalo!

    RispondiElimina
  13. ILACQUA Giuseppe (fiero servitore dello stato)11 gennaio 2013 19:56

    Sig. Anonimo minaccioso non serve che lei mi ricordi il mio stato giuridico non sono cosi debole di memoria, sicuramente questo non mi impedisce di esprimere pareri e fare commenti su un blog dove l'argomento è la sicurezza scolastica e tantomenoi difendere l'incolumità delle mie figlie.Se poi lei che scrive ILACQUA senza la C vuole impedirmelo ,la prego,raccolga un po di coraggio e si firmi cosi sappiamo da che pulpito arriva questa esortazione.Comunque qualcosa mi dice che la conosco.Ci sentiamo presto.

    RispondiElimina
  14. ILACQUA Giuseppe11 gennaio 2013 20:23

    E visto che ho potuto appurare che il blog è visitato da persone bene informate mi piacerebbe sapere da queste come sono andate le prove di carico ,fatte in dicemre 2012 sui solai della scuola 'F.Filzi' di Ospitale.E perche sono state fatte solo su quella scuola? RIMANGO IN ATTESA.

    RispondiElimina
  15. sei più magro che intelligente

    RispondiElimina
  16. .......Anonimo dell 00.19 tiè un imbariagozz!!!!!!!!

    RispondiElimina
  17. Ma me ne sono accorto solo io o l'allegato "in allegato" ha scritta sopra la lettera B? Non si parlava di allegato A?
    Aleotti, in caso di errore mi scuso ma se non fosse così?
    Siamo sicuri che non sia la schedina del superenalotto che le è scivolata nello scanner?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari la schedina vincente ! Ops.. era andata su una scansione sbagliata, adesso è tutto a posto.
      Grazie per il suggerimento e per l'attenzione .

      Elimina
  18. Cristina Tralli12 gennaio 2013 10:31

    Mi chiedo come si possa all'interno di una discussione così seria, ricordo a tutti che parliamo di sicurezza edifici scolastici, offendere, denigrare, sminuire, deridere, ecc ecc. Ma non vi vergognate? Dovreste essere degli adulti ma non avete nemmeno il coraggio di firmare con il vostro nome e cognome. Dott. Aleotti, se mi permette le suggerisco di non accettare più commenti anonimi, se una persona ha coraggio deve metterci la faccia, al contrario merita il buio. P.S. andate a leggere l'articolo di Umberto Eco apparso a pagina 142 della'Espresso in edicola da ieri ed imparerete che.... Informarsi prima di scrivere. Grazie e buon fine settimana. Cristina Tralli

    RispondiElimina