AUTOGESTIONE

Il blog continua a vivere con i commenti dei lettori .....

mercoledì 5 giugno 2013

Il pastificio si può fare !!!

Oggi mi sento orgoglioso si essere il primo a dare una buona notizia a tutti Voi cittadini di Bondeno.
Finalmente il progetto del pastificio ha superato la valutazione di impatto ambientale ed ottenuto l'Autorizzazione Integrata Ambientale e  quindi



SI PUO' FARE !!!!

Come cittadino di Bondeno sono molto soddisfatto e pieno di speranze per un progetto industriale che, quando sarà attuato,  potrà dare concrete risposte occupazionali ad una comunità ormai ridotta al lumicino.
E' un sogno che sta per divenire realtà, ma ... ma ... ma,  non so perchè non riesco ad essere, completamente tranquillo,  eppure l'autorizzazione è stata concessa,  è ufficiale! Sono andato a sbirciare sull'Albo pretorio della Provincia di Ferrara ed ho trovato la deliberazione  che più sotto pubblico per estratto, eppure c'è una nota stonata....


Sono già passati alcuni giorni e  non si sente lo "squillar di trombe" dell'amministrazione comunale di Bondeno.


Ma come dopo aver fatto la "cronistoria" minuto per minuto dell'evoluzione del progetto, dopo aver ospitato per mesi i progettisti all'interno degli immobili comunali, dopo aver prospettato centinaia di posti di lavoro per i disoccupati bondenesi, (i maligni dicono che ci siano già, lunghe liste di domande di assunzione) ebbene proprio ora i "tromboni" del Comune    TACCIONO...... non è normale.
http://pastificio-avanti-tutta.htmlhttp://pastificio-allora-qualche-cosa-si-muove.html
http://ma-come-sono-splendidi.html 


Speriamo bene e, suvvia  un po' di ottimismo, ora il lungo iter autorizzativo è completato e la parola passa a Finbieticola Bondeno srl, ed al "soggetto attuatore" .


PROVINCIA DI FERRARA

OGGETTO:
DLGS 152/06 E SMI, LR 9/99 E SMI. PROCEDURA DI VIA E CONGIUNTO RILASCIO DI AIA PER PROGETTO IMPIANTO DI PRODUZIONE ALIMENTARE NEL COMUNE DI BONDENO. FINBIETICOLA BONDENO SRL.

Proposta n. 8192/2013

LA GIUNTA

PREMESSO CHE:
In data 5/12/2012 lo Sportello Unico del Comune di Bondeno ha inviato alla Provincia di Ferrara – UOS VIA AIA la domanda presentata dalla Società Finbieticola Bondeno srl di attivazione della procedura congiunta di VIA e AIA ai sensi del titolo III della LR 9/99 e smi e DLgs 152/06 e smi per l’impianto produttivo di cui in oggetto, allegando il prescritto Studio di Impatto Ambientale
(SIA) e il progetto definitivo dell’opera; tale nota è stata acquisita al PG 96533/12.
Il progetto interessa il territorio del Comune di Bondeno e della Provincia di Ferrara e prevede la riqualificazione industriale del sito dell’”ex-zuccherificio” di Bondeno, con la realizzazione di un
impianto industriale per la produzione di pasta, pizza, pane e piatti pronti (pastificio). L’impianto produttivo composto da 7 comparti operativi, prevede 42 linee produttive per un quantitativo di
prodotto finito pari a 1000 t/g.
Il progetto prevede l’approvvigionamento idrico da acqua superficiale, acqua sotterranea oltre che da rete acquedottistica; l’approvvigionamento energetico avverrà da rete e da gruppo elettrogeno a metano.
Il SIA è stato redatto da Studio Professionale New Consult Ambiente srl – con sede in Borgo San Giacomo (BS), via VIII Marzo.
OMISSIS
Va quindi dato atto che la Conferenza di Servizi ha organizzato i propri lavori come di seguito specificato:
si è insediata il giorno 1/2/2013; nell’ambito di tale seduta è stata data al proponente la facoltà di illustrare il progetto;
il 21/02/2013 ha svolto la seconda seduta, nell’ambito della quale si è proceduto a definire la richiesta di integrazioni;
il 22/3/2013 ha svolto la terza seduta per la valutazione delle integrazioni presentate dalla Ditta;
ha programmato la firma del rapporto e la conclusione dei lavori per il giorno 16/5/2013;
- nel corso della seduta del 16/5/2013 si è inoltre provveduto alla lettura dello schema di AIA e del Permesso di Costruire, atti che verranno di seguito formalizzati (firmati e protocollati), come condivisi durante la seduta del 16/5/2013 e senza ulteriori modifiche e integrazioni, rispettivamente da parte di Provincia di Ferrara e Comune di Bondeno.
La Conferenza di Servizi era formata dai rappresentanti legittimati dei seguenti Enti, oltre alla Provincia e al proponente: Provincia di Ferrara, ARPA – Sezione Provinciale di Ferrara, Servizio di
Igiene Pubblica AUSL di Ferrara, ENEL Distribuzione, Comune di Bondeno.
DATO ATTO CHE:

OMISSIS
VALUTATO DAL PUNTO DI VISTA PROGRAMMATICO CHE:
OMISSIS
VALUTATO DAL PUNTO DI VISTA PROGETTUALE CHE:
Dato atto delle risultanze della III seduta della Conferenza dei Servizi del 22/03/2013, di cui al verbale in atti, nell’ambito della quale i partecipanti la Conferenza hanno espresso PARERE
FAVOREVOLE al progetto, e alla successiva seduta conclusiva del 16/05/2013, si riportano le valutazioni emerse in sede di istruttoria:
ACQUE

Per la gestione delle acque meteoriche del lotto A il progetto prevede la realizzazione di 1 bacino di laminazione a valle di una rete delle acque meteoriche corredato di 5 vasche di prima pioggia da 155m3 cadauna; ciascuna vasca di prima pioggia è dotata di

disoleatore e by-pass per la separazione della seconda pioggia inviata direttamente alla vasca di laminazione.

il volume della vasca di laminazione di 461 m3 è determinato come volume di accumulo complementare ai volumi di accumulo rappresentati dalle capacità delle vasche di prima pioggia e delle condotte costituenti la rete delle acque meteoriche;
il depuratore delle acque di processo prevede un sistema a doppio stadio denitrificazione-nitrificazione per l’abbattimento del COD e del TKN;
per le acque reflue assimilabili a domestiche è previsto lo scarico in rete fognaria pubblica;
per lo stoccaggio delle acque meteoriche è previsto un bacino di accumulo per utilizzi secondari (lavaggio automezzi, irrigazione) di circa 1.600 m3, rappresentato da n.4 serbatoi di accumulo localizzati presso il depuratore;
il volume di accumulo ad uso antincendio è rappresentato da 4 serbatoi per complessivi 1000m3 localizzati presso il depuratore; questi potranno essere alimentati mediante prelievo da CIS, da pozzo ovvero per trasferimento dai serbatoi di accumulo delle

acque meteoriche;
- è previsto dalla Relazione idraulica Lotto A, un trattamento per le acque primarie prelevate da Canale Burana; anche per le acque di pozzo previsto un trattamento prima dell’utilizzo;
si prende atto del PARERE FAVOREVOLE espresso dal competente Consorzio di Bonifica di Burana in sede di istruttoria con nota assunta a PG 12131/13 e nota del 11/3/13 a firma del Presidente Francesco Lavezzi e inviata al proponente Finbieticola

Bondeno, per quanto attiene al prelievo e allo scarico delle acque dal Canale di Burana;

si prende atto del PARERE FAVOREVOLE espresso dalla Regione Emilia Romagna - Servizio Tecnico di Bacino Po di Volano e della Costa, in merito al prelievo delle acque sotterrane e superficiali in sede di istruttoria.

EMISSIONI ATMOSFERA

si rileva che il progetto non prevede l’installazione di filtro catalitico per l’abbattimento degli NOx.
il progetto prevede un sistema di abbattimento delle emissioni odorigene del depuratore applicato in corrispondenza del punti emissivi denominati E37 – E38 – E39.

TITOLO ABILITATIVO EDILIZIO
L’istruttoria di VIA AIA ha valutato congiuntamente anche la documentazione presentata ai fini del rilascio del titolo edilizio di competenza comunale.
Il Titolo abilitativo edilizio come condiviso in data odierna e senza ulteriori modifiche e integrazioni verrà formalizzato (firmato e protocollato) dopo la conclusione della procedura congiunta di VIA AIA, e sarà contenuto nell’atto di Autorizzazione Unica di Sportello Unico.

VALUTATO DAL PUNTO DI VISTA AMBIENTALE CHE:

MITIGAZIONI E COMPENSAZIONI
il progetto prevede la realizzazione di un intervento di mitigazione dell’impatto generato, costituito da una fascia a verde con interventi di carattere arboreo-arbustivi descritto alla tavola di progetto AB-369-E-CA0001-2050-01;

TERRE E ROCCE

l’area di intervento è stata oggetto di un procedimento di bonifica ex Dlgs 152/2006 che ha consentito di identificare, all’interno del lotto di intervento, un’area per la quale è stato necessario effettuare una analisi di rischio; nell’ambito della stessa procedura sono state caratterizzate le zone al contorno;
ad esclusione dell’area delimitata con precisione nella Tavola AB-369-ECA0001- 2004-02 per la quale è stata effettuata l’analisi di rischio, la caratterizzazione effettuata nell’ambito di detto procedimento di bonifica, ha dimostrato la conformità dei terreni

alla destinazione d’uso prevista, per i quali è possibile quindi il riutilizzo ai sensi dell’art. 185 D.lgs 152/2006 all’interno del perimetro del lotto in oggetto, fatto salvo che, durante
l’esecuzione degli scavi, emergano situazioni di potenziale contaminazione ad oggi non note;

eventuali modifiche progettuali che determinino diverse modalità di gestione dei materiali di scavo, comporteranno l’applicazione di quanto previsto dal DM 161/2012;- i terreni provenienti dall’area identificata nella Tavola AB-369-E-CA0001- 2004-02 dovranno essere smaltiti come rifiuto ai sensi della Parte IV del Dlgs 152/2006.

Con votazione unanime resa in forma palese;


DELIBERA

a) Di esprimere GIUDIZIO POSITIVO DI COMPATIBILITÀ AMBIENTALE per il progetto “realizzazione di un impianto industriale per la produzione di pasta, pizza, pane e piatti pronti

(pastificio)” nel comune di Bondeno presentata dalla Ditta Finbieticola Bondeno srl, subordinando il giudizio di VIA positivo al rispetto delle prescrizioni relative al quadro di riferimento programmatico, progettuale ed ambientale sotto riportate, oltre che a tutte le prescrizioni contenute nell’atto di AIA, Allegato B alla presente delibera di VIA:

PRESCRIZIONI IN MERITO AL QUADRO DI RIFERIMENTO PROGRAMMATICO
Nessuna prescrizione
PRESCRIZIONI IN MERITO AL QUADRO DI RIFERIMENTO PROGETTUALE
1. dovrà essere rispettato l’intero apparato prescrittivo contenuto nell’atto di AIA, che si intende qui interamente richiamato,
Allegato B alla presente delibera di VIA;

2. la Ditta dovrà inoltre rispettare le prescrizioni impartite dagli enti della Conferenza dei Servizi e riportati nell’
Allegato C alla delibera di VIA;
e inoltre:
VIA
3. il progetto dell’impianto produttivo dovrà essere realizzato così come descritto negli elaborati progettuali e grafici presentati;
4. il Gestore dovrà produrre un cronoprogramma specifico relativo alla realizzazione del progetto da aggiornare di volta in volta in caso di variazione delle tempistiche, per il quale dovranno essere comunicate a Provincia, Comune, ARPA e AUSL, l’inizio e la fine di
ogni fase, unitamente all’attestazione del Direttore dei Lavori della regolare esecuzione delle opere;
5. la ditta dovrà presentare
entro 45gg dalla efficacia della DGP di VIA, istanze di rettifica per le modifiche alle concessioni Codd. FEPPA1216 sotterranea e FEPPA1145 superficiale alla Regione Emilia Romagna – Servizio Tecnico Bacino Po di Volano e dellaCosta, per i prelievi di acque superficiali da Burana e di acque sotterranee da pozzo;

6. con congruo anticipo rispetto all’inizio del prelievo la Ditta dovrà inoltrare al Consorzio di Bonifica di Burana apposita domanda indicando le quantità d’acqua da derivare ed i periodi di fornitura;
7. rete fognaria acque nere: potranno essere scaricate solo le acque civili nella fognatura di via Prati per la portata di circa 2.2 l/s;
8. la ditta dovrà attuare le prescrizioni di HERA relative all’esatto dimensionamento delle condotte per l’approvvigionamento idrico e la definizione della tipologia dei materiali e dei particolari costruttivi;
9. la Ditta, a tutela dell’integrità dell’argine del Burana a seguito della realizzazione dei 3 punti di scarico separati, prescritti nell’AIA, qualora venga valutato necessario da parte
del Consorzio Burana, dovrà realizzare interventi di protezione delle sponde in corrispondenza dell’opera di scarico nel Canale Burana;
10. dovrà essere realizzata la raccolta e stoccaggio delle acque di copertura, come previsto nella relazione idraulica Lotto A; dovranno quindi essere raccolte le acque di copertura provenienti almeno dai fabbricati denominati C3, C3/1, C6, C7, C8, C11;
AIA
11. abbattimento catalitico NOx: Prima della messa in esercizio dell’impianto, il gestore dovrà installare un catalizzatore SCR per l’abbattimento degli NOx per ciascun gruppo di trigenerazione;
12. tutte le reti fognarie dovranno essere dotate di pozzetto di campionamento immediatamente a monte del recapito in CIS (Burana); per le reflue assimilabili a domestiche il pozzetto sarà immediatamente a monte dello scarico in pubblica fognatura;
13. si prescrive una PORTATA MASSIMA trattata al depuratore e allo scarico S1a pari a 3,3 l/s;
TITOLO ABILITATIVO EDILIZIO
14. dovrà essere rispettato l’intero apparato prescrittivo contenuto nel Permesso di Costruire rilasciato dal Comune di Bondeno.
PRESCRIZIONI IN MERITO AL QUADRO DI RIFERIMENTO AMBIENTALE
FASE DI CANTIERE
15. al fine di ridurre i fenomeni di emissione di polveri in fase di cantiere e soprattutto in occasione di operazioni di movimentazione di materiali inerti, si dovrà provvedere a bagnare adeguatamente i cumuli di inerti al fine di limitare la diffusione delle polveri in
atmosfera;
16. oer i rifiuti stoccati presso l’impianto dovranno comunque essere adottate le cautele del caso onde impedire la contaminazione dell’ambiente, in nessun caso il deposito molestie alla popolazione o all’ambiente per la propria consistenza, aspetto, odore o altro
che possa arrecare nocumento;
17. il Gestore deve eseguire dei rilievi fonometrici, a lavorazioni in corso in prossimità dei Ricettori, tesi alla verifica sia del limite di zona che del limite differenziale. Nell’ipotesi che i risultati ottenuti evidenzino il superamento dei limiti stabiliti dalla normativa
vigente, si dovranno adottare opportune misure di bonifica acustica ed interrompere i lavori fino alla messa in opera delle misure di bonifica stessa. I risultati ottenuti dovranno essere trasmessi ad ARPA per le verifiche di competenza;
18. relativamente alla fase di cantiere dovrà essere rispettato il Regolamento Comunale approvato con DCC n. 71 in data 11/09/2007 (attività rumorose in cantieri edili) per l’utilizzo di macchinari rumorosi all’interno di cantieri edili, stradali, ed assimilabili, salvo richiesta di ulteriore deroga motivata da parte del Proponente;
19. dovrà essere realizzato l’intervento di mitigazione dell’impatto generato, costituito da una fascia a verde con interventi di carattere arboreo-arbustivo di cui alla tavola di progetto AB-369-E-CA0001-2050-01, e relativa specificatamente alla realizzazione dell’impianto produttivo di progetto;
TERRE E ROCCE
20. eventuali modifiche progettuali che determinino diverse modalità di gestione dei materiali di scavo, comporteranno l’applicazione di quanto previsto dal DM 161/2012;
21. eventuali materiali di risulta derivanti dalle operazioni di cantiere, diversi dalle terre, verranno allontanati come rifiuto ai sensi della Parte IV Dlgs 152/06;
22. i terreni provenienti dall’area identificata nella Tavola AB-369-E-CA0001-2004-02 dovranno essere smaltiti come rifiuto ai sensi della Parte IV del Dlgs 152/06;
VIA
23. la Ditta dovrà rendicontare semestralmente al Comune di Bondeno, alla Provincia di Ferrara e ad ARPA, circa lo stato di avanzamento e l’attuazione del progetto relativo alla messa in esercizio del trasporto di materie prime e prodotti finiti attraverso la modalità ferroviaria, conformemente al progetto approvato e alle prescrizioni impartite dagli enti competenti nonché al piano particolareggiato approvato;
PAESAGGIO
24. dovranno essere messe a dimora essenze autoctone di alto fusto nell’area verde adiacente la Virgiliana e il canale di Burana al fine di creare una schermatura degli impianti;
b) Di trasmettere ai sensi dell’art. 16, comma 3, della L.R. 9/99 e successive modifiche ed integrazioni, la presente deliberazione al Comune di Bondeno, all’Arpa Sezione Provinciale di

Ferrara, all’AUSL - Dipartimento di Sanità Pubblica, al Servizio Tecnico Bacino Po Volano e Costa e al Consorzio di Bonifica Burana, Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, HERA Ferrara,
SNAM RETE GAS SPA, FER Ferrovie Emilia Romagna, CMV Servizi, ENEL Distribuzione, TELECOM ITALIA SPA, Direzione Regionale Ben Culturali e Paesaggistici dell’Emilia Romagna, Soprintendenza Beni Architettonici e Paesaggistici del le province Ravenna Ferrara Forlì-Cesena, Rimini, Soprintendenza Beni Archeologici dell’Emilia Romagna;

c) Di pubblicare, per estratto, ai sensi dell’art. 10, comma 3 della L.R. 18 maggio 1999 n. 9 e successive modificazioni ed integrazioni, il presente partito di deliberazione, nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia Romagna e sul sito della Provincia di Ferrara in forma integrale;
d) Di comunicare che, ai sensi dell’articolo 3 comma 4 della Legge n. 241 del 1990, avverso il provvedimento conclusivo testé indicato potrà essere esperito ricorso in sede giurisdizionale al Tribunale Amministrativo Regionale dell’Emilia Romagna, entro 60 (sessanta) giorni dalla data di ricevimento del provvedimento stesso; ovvero potrà essere proposto ricorso straordinario al Presidente della Repubblica, entro 120 (centoventi) giorni dalla data di ricevimento del provvedimento stesso;
e) Di dare atto che , gli oneri istruttori dovuti per la procedura di VIA sono risultati pari a euro 5.400,00 già incassati con Rev. N. 4632 del 27/11/2012 al capitolo 0311040 azione 1379 del

Bilancio Prov.le 2013 gestione residui;

f) Di dare atto che gli oneri delle spese per istruttoria AIA rispettivamente di €. 8.820,00 e € 2.835,00 già incassati con le Revv. nn. 4631/2012 e 2088/2013 al cap. 0351382 azione 1419del Bilancio Prov.le 2013 gestione competenza e residui.



Approvato e sottoscritto

IL SEGRETARIO GENERALE                                          LA PRESIDENTE
(Dott. Mario Capaldi)                                                        (Marcella Zappaterra)
Originale Firmato Digitalmente

8 commenti:

  1. Angelo Colorsperanza5 giugno 2013 12:09

    Calma ragazzi per la lista delle assunzioni, con l'aria di restaurazione padana che tira, solo chi si presenterà con la medaglietta d'oro con la foto di Bossi tempestata di diamanti sarà preso in considerazione. Bravo Alan grande manifestazione per il ringraziamento agli aiuti per la ricostruzione. Sei stato un fenomeno a non chiamare nessuno della Lega Nazionale sul palco e manco a nominare il partito di quel traditore di Maroni che voleva farsi bello con il milione di euro che ti ha dato per costruire la nuova scuola di Scortichino. Sei grande, Il Migliore (si anche con la M maiuscola in tutti i sensi !)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che fffigura di m....!

      Elimina
    2. Tanto il prossimo anno alle Comunali si presenterà alle elezioni come lista civica,da buon politico è normale abbandonare per primi la nave prima che affondi.Il dilemma è, se non lo rieleggono che lavoro andrà a fare? La scuola è solo uno spot elettorale!!!!

      Elimina
    3. Che lavoro andrà a fare ? Socialmente inutile !!!

      Elimina
  2. Quello che lascia sbigottiti è la produzione giornaliera. Ben 1000 ton. di prodotto finito sono oltre 100 camion al giorno! Una cosa veramente incredibile! Con la viabilità che abbiamo, temo diventi un problema non da poco, eppure non vedo alcuno studio sulla questione. Se teniamo conto che la Virgiliana è tutta in frana, che la provinciale per Stellata è ormai impercorribile e che la Virgiliana è al collasso, dove mandiamo tutti questi autotreni?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Celebre adagio di Antoine:
      tu sei buono e ti tirano le pietre,
      sei cattivo e ti tirano le pietre,
      qualunque cosa fai,dovunque te ne vai
      tu sempre pietre in faccia prenderai...
      al mondo non c'e mai, qualcosa che gli va
      e pietre prenderai senza pieta.
      sara cosi, finche vivrai, sara cosi etc. etc.

      Elimina
  3. hanno pagato i debiti che si sono creati?
    magari sarebbe opportuno , anche degli albergatori non sono stati saldati .....

    RispondiElimina
  4. Siete bravi a criticare,perchè non vi fate eleggere come Sindaco,per vedere quello che valete, state dicendo solo cazzate.
    A Bondeno per natura sono solo capaci di fare critiche a ciò che fanno gli altri,per fortuna non siamo tutti così,prima di parlare guardatevi allo specchio e cambierete idea.
    ISindaci che hanno preceduto Fabbri ne hanno combinati parrecchi dei danni a Bondeno,
    per dirne uno, quel signore che si è venduto per chiudere l'ospedale, guardate alla Coop di Bondeno chi ci lavora, tutti raccomandati dei DS no della Lega, lo sapete benissimo ma fate finta di nulla il perchè è nel vostro DNA.

    RispondiElimina