AUTOGESTIONE

Il blog continua a vivere con i commenti dei lettori .....

mercoledì 26 marzo 2014

Il 25 maggio si vota, è tempo di bilanci di fine mandato

La data delle elezioni comunali è stata, in fine,  fissata per il giorno 25 maggio 2014 ed è quindi tempo di bilanci di fine mandato. 
Questa volta però non si tratterà della solita relazione al bilancio,  a cui ci ha abituato il sindaco Fabbri, con le solite quattro chiacchiere "propagandistiche" ed autoreferenziali, bensì una relazione di fine mandato fatta a norma di legge, redatta dal responsabile del servizio finanziario e certificata dall'organo di revisione dell'Ente.


Infatti in attuazione dell' art. 4 del Decreto Legislativo 6 settembre 2011, n. 149, così come modificato dall' art. 11 del D.L. n° 16 del 6.3.2014  e  del Decreto del Ministro dell’Interno di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze del 26 aprile 2013, i comuni sono tenuti a redigere una relazione di fine mandato non oltre il 60° giorno antecedente la data di scadenza del mandato .



Ai sensi del 3° comma dell'art 3 del Decreto 26 aprile 2013, "le relazioni di fine mandato sono divulgate sul sito dell'ente per garantire la più ampia conoscibilità dell'azione amministrativa sviluppata nel corso del mandato elettivo"

Ecco un estratto del testo dell' Art. 4  del DECRETO LEGISLATIVO 6 settembre 2011 , n. 149 ,

 Relazione di fine mandato provinciale e comunale 

 1. Al fine di garantire il coordinamento della finanza pubblica, il  rispetto dell'unita' economica e giuridica della Repubblica, il  principio di trasparenza delle decisioni di entrata e di spesa, le 
province e i comuni sono tenuti a redigere una relazione di fine  mandato. 
 2. La relazione di fine mandato, redatta dal responsabile del servizio finanziario o dal segretario generale, e' sottoscritta dal presidente della provincia o dal sindaco non oltre il sessantesimo giorno antecedente la data di scadenza del mandato.  Entro e non oltre quindici giorni dopo la sottoscrizione della relazione, essa deve risultare certificata dall'organo di revisione dell'ente locale e, nei tre giorni successivi la relazione e la certificazione devono essere trasmesse dal presidente della provincia o dal sindaco alla sezione regionale di controllo della Corte dei conti. 

La relazione di fine mandato e la certificazione sono pubblicate sul sito istituzionale della provincia o del comune da parte del presidente della provincia o del sindaco entro i sette giorni successivi alla data di certificazione effettuata dall'organo di revisione dell'ente locale, con l'indicazione della data di trasmissione alla sezione regionale di controllo della Corte dei conti. 
omissis
4. La relazione di fine mandato contiene la descrizione dettagliata 
delle principali attivita' normative e amministrative svolte durante 
il mandato, con specifico riferimento a: 
 a) sistema ed esiti dei controlli interni; 
 b) eventuali rilievi della Corte dei conti; 
 c) azioni intraprese per il rispetto dei saldi di finanza 
pubblica programmati e stato del percorso di convergenza verso i 
fabbisogni standard; 
 d) situazione finanziaria e patrimoniale, anche evidenziando le 
carenze riscontrate nella gestione degli enti controllati dal comune o dalla provincia ai sensi dei numeri 1 e 2 del comma primo 
dell'articolo 2359 del codice civile, ed indicando azioni intraprese 
per porvi rimedio; 
 e) azioni intraprese per contenere la spesa e stato del percorso 
di convergenza ai fabbisogni standard, affiancato da indicatori 
quantitativi e qualitativi relativi agli output dei servizi resi, 
anche utilizzando come parametro di riferimento realta' 
rappresentative dell'offerta di prestazioni con il miglior rapporto 
qualita-costi; 
 f) quantificazione della misura dell'indebitamento provinciale o 
comunale. 
omissis
6. In caso di mancato adempimento dell'obbligo di redazione della 
relazione di fine mandato, il presidente della provincia o il sindaco sono tenuti a darne notizia, motivandone le ragioni nella pagina 

principale del sito istituzionale dell'ente. 

Alcuni comuni hanno già provveduto a pubblicare sul sito la loro relazione di fine mandato, come Ferrara  http://servizi.comune.fe.it/index.phtml?id=6785
 e Sant'Agostino 
http://www.comune.santagostino.fe.it/il-comune/amministrazione-trasparente/allegati-area-trasparenza/relazione-di-fine-mandato-del-sindaco-fabrizio-toselli/view

A quando la relazione di fine mandato del Comune di Bondeno ???



7 commenti:

  1. Trasparenza nebulosa27 marzo 2014 01:58

    Sarà pubblicata sul sito istituzionale dell'Ente lo stesso giorno che saranno pubblicati i curriculum vitae e gli stati patrimoniali con i redditi dei componenti la Giunta !!!

    RispondiElimina
  2. 60 gg antecedenti la data di fine mandato ?.... Quindi sarebbe già ora.... Immagino ancora non sia pubblicata/predisposta ........

    RispondiElimina
  3. Per le note carenze relative al personale dipendente correlati con le problematiche relative gli eventi sismici del 2012 non è stato possibile procedere con la redazione di tale strumento che riteniamo strumento fondamentale ed indispensabile per il rendiconto dell'andamento del nostro Ente. Per risolvere tale problematica stiamo procedendo ad una ricerca di un professionista da incaricare che ci aiuti a risolvere la situazioni. Nei prossimi giorni, comunque prima della fine del 2014 tale relazione verrà pubblicata. !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero vivamente sia uno scherzo, un bello scherzo, ma uno scherzo !!!!!!

      Elimina
    2. Sarcasmo allo stato puro, chiaramente; naturalmente dopo quello che si è letto nelle pagine di questo blog!

      Elimina
  4. Visto che la Lega è in piazza coi gazebo (a proposito, saranno sicuramente i gazebo privati, mica quelli del comune! Mica quelli che abbiamo pagato una fortuna!) sicuramente vedremo tutto lo staff in scrittura di relazione. Anzi no è impossibile, il candidato di tutti è civico e non di parte leghista.

    RispondiElimina
  5. Dai che si erano dimenticati e adesso daranno un incarico (ben remunerato) a qualche studio esterno amico per colmare la lacuna. Se stavate zitti almeno non spendevaMo quei soldi inutili. Furbi che siete! O forse un bell'incarico alla stampa amica di lunga data ci sta adesso.

    RispondiElimina