AUTOGESTIONE

Il blog continua a vivere con i commenti dei lettori .....

mercoledì 16 aprile 2014

La sorpresa di Pasqua

Domenica prossima sarà Pasqua, e colgo l'occasione per fare gli auguri a tutti i lettori . 
Il tradizionale uovo pasquale del blog, nasconde una "sorpresa" 
"non sorpresa... " 

Mi riferisco ai soliti contributi erogati a piene mani dal sindaco Fabbri, e....fino a qui niente di nuovo, sono ormai diversi mesi che la nostra giunta è in campagna elettorale.

La cosa "simpatica" è che si tratta dei contributi per le festività Natalizie .... Ah...Ah...Ah...

DETERMINAZIONE N. 361 DEL 14-04-2014

Oggetto: Promozione del Territorio - Liquidazione contributi n.1 anno 2014





Visto la relazione Previsionale e programmatica nonché il Bilancio di Previsione 2012/2014 ove sono previsti interventi di sostegno ad attività promosse da associazioni, enti per attività culturali e ricreative, nonché per attività poste in essere da questo Ente in collaborazione con soggetti terzi, comprese le attività natalizie di cui alla deliberazione della giunta comunale n. 239 del 21/11/2013;

Ravvisata l’opportunità, a fronte della effettiva realizzazione delle attività comprese nel programma approvato con la deliberazione suddetta, di corrispondere ai soggetti che hanno contribuito fattivamente alla loro attuazione un contributo per quanto dai medesimi posto in essere, a riscontro delle domande in tal senso presentate e conservate agli atti;
omissis
Dato atto che la spesa complessiva ammonta a euro € 15.550,00 e trova copertura al cap. 11416 imp.2013/2412
D E T E R M I NA

1) di annotare la spesa complessiva di euro 15.550,00 al cap. 11416 imp.2013/2412.
2) di corrispondere alle Associazioni di cui all’allegato prospetto la somma a margine di ognuna
indicata quale contributo a sostegno delle attività svolte come nel medesimo indicato.



Allegato:


Comune di Bondeno
Servizio Cultura  Liquidazione n. 01 del 11/04/2014
ASSOCIAZIONI ALTRE ORGANIZZAZIONI   
Motivazione




Pro - Loco Bondeno  Bondeno Anno 2013 Collaborazione alla realizzazione delle iniziative natalizie 2013/2014 -Attività in convenzione  €  13.350,00




Associazione Eire  Bondeno Anno 2013 Collaborazione alla realizzazione delle iniziative natalizie 2013/2014 € 2.200,00




10 commenti:

  1. Comune contribuente16 aprile 2014 08:58

    Mister President of Pro Loco, allias Lord Caselli, oltre ringraziare i comuni contribuenti per le ripetute provviste economiche che Le vengono conferite per mezzo del nostro Sindaco; oltre a inveire e pesantemente "criticare" ripetutamente il candidato sindaco dell'opposizione; non si sente in dovere di dare un minimo di ragguaglio, almeno quest'ultima volta, ai cittadini contribuenti di come sono state usate e le persone che materialmente hanno usufruito, di tutte queste risorse che la comunità tutta (di destra, centro, e sinistra) vi ha messo a disposizione ?

    RispondiElimina
  2. Il Signor Caselli è al momento occupato a scrivere cazzate su Facebook per difendere i suoi soldi insieme ai compagni di merende. Si vergogni!

    RispondiElimina
  3. Cesellatore di zolle16 aprile 2014 14:22

    Gentilissimo Lord Caselli, mi sembra giusto che a fine legislatura ci dica con parole sue, anche con il suo inconfondibile slang alla puttanesca, dove ha speso e chi ha incassato (privati, associazioni, consulenti) le migliaia di euro raccolte da varie fonti e dall'Amministrazione comunale. Se però deve propinarci un bilancio con quattro voci generiche, tipo i bilanci dell'Ente Fiera di Biancardi lasci pur perdere, vorrà dire che la metteremo sullo stesso livello di trasparenza del presidentissimo stellatese che si è già aggiudicato per ognuno dei prossimi 3 anni ben 15.000 € al GAB per seguire gli scavi archeologici di Pilastri, visite studentesche organizzate comprese.

    RispondiElimina
  4. @Cesellatore di zolle.
    Tecnicamente la "pro loco" è una associazione "non riconosciuta" di promozione sociale o "APS" disciplinata dalla Legge regionale 34/2002, iscritta negli elenchi regionali che trovi qui: https://wwwservizi.regione.emilia-romagna.it/teseofe/associazioni-promozione-sociale.asp.
    I bilanci delle associazioni non riconosciute non hanno per il codice civile uno schema obbligatorio. C'è di tutto e di più (o di meno), e sono alcuni per cassa (come i condomini), altri per competenza (come le società commerciali).
    Esistono però linee guida condivise tra Ministero del Lavoro e Politiche Sociali e Organismo italiano di contabilità.
    Si distingue tra enti sopra o sotto i 250.000 Euro di risorse gestite, Per i primi il bilancio è molto complesso, peggio che per le SpA, per i secondi basta una situazione "finanziaria" ovvero per cassa.
    Se sono seguite le linee guida le informazioni sono decisamente dettagliate, se è seguito il codice civile ti trovi di fronte ad una lista della spesa se va bene.
    Trovi le info su
    http://www.lavoro.gov.it/AreaSociale/AgenziaTerzoSettore/Documents/Linee_Guida_Bilancio_enti_nonprofit.pdf
    E' poi buona prassi accompagnare al bilancio "economico" anche un "bilancio sociale" che documenta i risultati raggiunti. Per le non profit, infatti, le risorse finanziarie sono un "mezzo" e non un "fine". Quello che conta è ben altro dell'"avanzo" di bilancio.
    Anche lo schema di "bilancio sociale" è scaricabile sul sito del ministero del Lavoro:
    http://www.lavoro.gov.it/AreaSociale/AgenziaTerzoSettore/Documents/Linee_Guida_Bilancio_organizzazioni_nonprofit.pdf

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Riccardo, stavolta mi sono firmato con il mio nome più terra terra perché, ribadita la mia stima nei tuoi confronti, ti voglio dire molto semplicemente senza che t'arrabbi: capisco che spesso quelli della Bocconi ci tengano a stare sopra come l'olio, ma cosa c'entrava questa tua arida "requisitoria" con la semplice proposta al gentilissimo, si fa per dire, presidente della Pro Loco, di ammettere a fine consigliatura di aver avuto una montagna di soldi pubblici dal suo amico sindaco(a differenza di quanto sosteneva un suo collaboratore) e invece di inveire grottescamente contro il candidato Nardini dalle pagine di fb, sarebbe meglio e più democratico che impiegasse quel tempo a rendicontare ai comuni cesellatori di zolle e non, che uso ne avesse fatto dei soldi dei contribuenti. Capiscimi, è molto probabile che io già sappia il succo di quanto da te esposto, ma al di là dell'ufficialità, la mia era una semplice "provocazione" a fin di bene, per poter ottenere un minimo di risicato riscontro prima delle elezioni. E' scontato, ma vorrei tanto sbagliarmi, che il "gentilissimo" Federico se ne guarderà bene dal commentare queste righe perché rischierebbe di tirarsi la zappa sui piedi e questo lo sa ancor meglio il sindaco che vivamente lo consiglierà di astenersi. Tutto ciò mi sembrava ben intuibile da chi frequenta queste pagine, quindi, per questa volta, mi meraviglio del tuo intervento che a mio avviso dato i presupposti esplicitati, c'entrava ben poco, anche perché il mio invito era diretto a un signore ben specificato, anche dai commenti precedenti. Scusa dell'estrema sincerità ma cerca di perdonarmi, anche perché in fondo sono un semplice cuntadin e... me ne vanto !

      Elimina
    2. Caro Cuntadin, non ho la pelle così sottile. Tranquillo (o meglio #staisereno).
      Il senso del post, che nella fretta è stato troppo copia-incollato da una mail spedita ad un cliente "recalcitrante" è che gli strumenti condivisi per rendere conto del proprio operato ci sono. Non sono "obbligatori" per Legge, ma comunque opportuni e nemmeno così impegnativi.
      Personalmente ritengo che un rendiconto sia doveroso e debba essere imposto a chiunque beneficia di denaro pubblico. Quindi su questo punto immagino siamo d'accordo.
      Non sempre sono presenti solo in grosse organizzazioni.
      Il Bilancio sociale, ed un bilancio conforme alle linee guida, lo fa anche un mio cliente, Transparency Italia, che di fondi gestisce molto meno della Pro Loco di Bondeno.
      Questo un esempio di Report delle attività (o bilancio sociale che dir si voglia): http://www.transparency.it/wp-content/uploads/2014/02/Report_2013.pdf

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    4. Riguardo la attuale gestione della Pro Loco. Come in altre sedi accennato, ed anche di persona con alcuni ex-compaesani, tenetevela stretta una truppa di trentenni che abbia voglia di fare. E' merce rara, anche se alcuni hanno un caratteraccio.
      Non ha senso, e qui concordo, dare denaro o contributi in natura"gratis", né a loro, né a nessun altro. Chi incassa (o è spesato) deve rendere conto dei risultati.

      Elimina
  5. Io credo che si il Sig.Campi che cuntadin abbiano ragione, nel senso che spesso questa amministrazione ha giocato sul filo del rasoio di queste norme libertine. Dove non arriva una regolamentazione ferrea dovrebbe arrivare la denuncia dell'opposizione e la condanna elettorale dei cittadini. A Bondeno si sta attuando sotto il sole un sistema di clientele imbarazzante, proprio da chi le aveva sempre denunciate. Sono VERGOGNOSI!

    RispondiElimina