AUTOGESTIONE

Il blog continua a vivere con i commenti dei lettori .....

lunedì 24 febbraio 2014

Eppur qualcosa si muove !!!


Questa mattina, rientrando in ufficio, la mia attenzione è stata attirata  dall'attacchino del comune, che con maestria stava affiggendo un manifesto di una certa eleganza. Non una delle solite pubblicità qualcosa di diverso, ma poichè ero in macchina non ho potuto vedere meglio.  
Sarà il primo manifesto elettorale, in fondo non manca poi molto alle elezioni . 
Ed invece no (o forse si ?). 
Comunque poco dopo, parcheggiata la macchina, mi sono imbattuto nel manifesto e non ho resistito dal fotografarlo.  Me lo sentivo che qualcosa si stava muovendo sul pastificio, finalmente il mitico soggetto privato ha un nome "Thomas Food Italia" e il prossimo giovedì alle ore 20,45, presso la pinacoteca civica di Bondeno,  i cittadini saranno informati sulla realizzazione dello stabilimento industriale (quale?) presso l' ex zuccherificio. Bene cari amici non resta che attendere giovedì e sapremo tutto.


25 commenti:

  1. Basta, non se ne può più, va bene scherzare a carnevale ma perseverare....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai Mago, di cosa parliamo poi al bar.

      Elimina
  2. Chi ha pagato l'affissione dei manifesti ? A chi è intestata la bolletta ?

    RispondiElimina
  3. Hahahahahahahahahahah! E chi si presenterà ad illustrare il grande progetto Balanzone e Arlecchino in collaborazione con il Mago Silvan!!!! Ma fatemi il piacere!!!!!

    RispondiElimina
  4. O buongiorno cari cittadini matildei, per caso dietro questa meravigliosa e patinata locandina non è che ci troveremo nuovamente il caro signor Ramoser del dell'Enumplan? Meditate gente......
    Buona giornata
    Sibilla

    RispondiElimina
  5. Come tutti i bondenesi nutro qualche perplessità: se questo fosse davvero l'investitore giusto, perché attaccare tanti cartelloni che non fanno altro che far pensare ai precedenti maldestri tentativi (vedi i giganteschi cartelli che annunciavano l'apertura)? Ma chi segue le public relations in questa Ditta che, a quanto pare, è stata costituita appena il 14 gennaio di quest'anno con sede a Parma? E la Enumplan, la Progenal e la Igfp che fine hanno fatto?Temo proprio che Sibilla abbia ragione. Comunque vedremo.

    RispondiElimina
  6. http://www.nwzonline.de/friesland/wirtschaft/pizza-und-pasta-fuer-millionen_a_1,0,1454407723.html

    traducetevi questo articolo in tedesco... chi copia lo stabilimento??? e meditate meditate...
    lode al coraggio di ripresentarsi in piazza in pompa magna , mi ricorda altre riunioni gia' avvenute anche in comune .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. fantasticoooooo....e questo sito invece:http://mobil.nwzonline.de/ueberregionales/topthemen/_/6cedeba3-nur-briefkasten-und-klingelschilder

      Questo è solo uno stralcio:" Thomas Food" sorge su un campanello . Ma il suono non risponde . Il citofono è silenzioso , la mattina alle 11:30 , mentre la vita business intorno vitale lì . Una cassetta postale non può essere visto . Giù nel negozio nessuno ha sentito parlare della società

      Elimina
  7. Enumplan, Kleefeld (SE) .> http://www.medias71.com/entreprise-agroalimentaire-a-paray/

    RispondiElimina
  8. Ma non ho parole, è sempre lo stesso progetto. C'è anche il ristorante panoramico sulla Botte! Giovedì, partecipate e fate partecipare! Venghino signori, venghino. Più gente entra, più bestie si vedono.

    RispondiElimina
  9. La manifattura Berluti, che si sta insediando a Gaibanella, ha optato per una procedura ben diversa. Prima ha opzionato l'area, poi ha chiesto ed ottenuto le autorizzazioni necessarie ed ora sta costruendo il capannone. Altra cosa: ha già donato alle scuole alcune lavagne interattive. Così si fa.

    RispondiElimina
  10. Ovunque Pizza e vaiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii:

    http://www.lindependant.fr/2014/02/27/beragne-le-projet-top-secret-d-usine-de-pates-alimentaires,1853101.php

    RispondiElimina
  11. Pizza anche in Spagna ma alla fine nulla di fatto, ed anche li venivamo derisi:

    http://ferransala.com/progenal-holding-ag/

    RispondiElimina
  12. Società nata e creata in pochi giorni cosí come la Progenal, anche il sito è tale e quale ma sapete cos'è la cosa piú divertente che una socíeta che investira centinaia di milioni non puó permettersi di sbagliare?
    La società viene definita come Spa ma nel suo sito: http://www.thomasfood.it/ compare come Srl...ahahaha che serietà. Da una società poi che non ha alcun personale negli uffici cosa ci si aspetta???
    Complimenti!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  13. Ieri sera ho assistito alla presentazione della Thomas food! L'inizio è stato sconcertante per non dire ridicolo, mezz'ora di attacco politico dai toni intimidatori nei confronti di Nardini: una cosa assolutamente inopportuna e desolante. Se fossi stato nel sindaco l'avrei fatto smettere e avrei chiesto scusa all'opposizione. Un intervento che non ha portato alcun vantaggio agli amministratori presenti. L'esposizione del progetto poi ha tolto qualsiasi dubbio circa la volontà di portare a termine l'intervento: ho sentito cifre che neanche la Barilla potrebbe mettere in campo. Via, ma cosa credono che siamo tutti scemi. Come mai l'Amministrazione non vede queste incongruenze e si fa prendere in giro da quattro mestieranti?

    RispondiElimina
  14. Forse è giunta l'ora che intervenga la Magistratura!!! La faccenda sta assumendo toni grotteschi.........

    RispondiElimina
  15. @hans L'amministrazione Fabbri è perfettamente in linea con questi personaggi, basti pensare allo sconcertante consiglio comunale di lunedì scorso, i milioni di euro andavano e venivano, i contrattio di quartiere sono stati modificati per la ennesima volta, con spostamento di soldi dal centro polivalente da 6 milioni di euro alla viabilità, mentre la vendita della Zanluca quetsa volta non serve più per la scuola, ma per fare la strada che porterà al ponte del capitello (3,5 milioni), sempre che io abbia capito bene, con tutti quei milioni che andavano e venivano ad un cero punto ho perso il conto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono ancora più "cattivo", temo che gli amministratori non se ne siano resi conto, desiderosi di "far vedere" hanno tenuto un atteggiamento superficiale. La cosa che non comprendo è il perché perseverino in questa farsa mediatica che è diventata la riconversione dello zuccherificio. Troppe le incongruenze e troppe le analogie con altre tristi vicende.

      Elimina
  16. Enumplan paga da 40 anni i suoi fornitori???????

    Enumplan nasce nel 1986 presidente Forster Johannes solo ad agosto 2009 nasce Enumplan con sede a Lugano che è poi quella che realmente è coinvolta in tutto.
    Il 13.11.2012 Forster Johannes abbandona (chissà perchè) la società da lui costituita e rimane solo Enumplan con sede a Lugano. Hartung che non compare in nessun modo nè nel consiglio di amministrazione di Enumplan nè ha alcun tipo di contratto con Enumplan dovrebbe spiegare prima chi è lui e poi informarsi meglio.
    Troppe persone parlano a nome di Enumplan ma nessuno di loro ne fà realmente parte.

    RispondiElimina
  17. Trovate le differenze:
    L'affare Merker pareva l'affare del secolo.
    Era l'opportunità da non perdere che avrebbe dato una bella boccata d'ossigeno ad un Abruzzo in perenne crisi occupazionale, che avrebbe messo in piedi una nuova azienda nata «dalla consapevolezza che non esistono a livello europee aziende del genere» e offerto 270 nuovi posti di lavoro. Così veniva presentata e pompata dai media di allora.

    LA SCHEDA. CRONOLOGIA DEL TRACOLLO della Merker

    NOVEMBRE 2001 - Viene presentato il progetto della Merker Yshima

    GENNAIO 2002 − Parte la sfida della Carichieti, capofila del pool

    APRILE 2002 - Scatta l'allarme tra i sindacati che chiedono di controllare le condizioni di salute dell'azienda

    LUGLIO 2002 - Le prime difficoltà produttive per mancanza di materie prime

    SETTEMBRE 2002 - Primo blocco della produzione

    NOVEMBRE 2002 - Non arrivano più stipendi

    DICEMBRE 2002 - Esplode la rabbia, si apre la vertenza, si riconosce la crisi dell'azienda Metalmeccanica

    GENNAIO 2003 - Gianfranco Ramoser finisce sotto inchiesta per falso in bilancio

    15 MAGGIO 2003 - Il Tribunale nomina commissario Guglielmo Lancasteri che, per prima cosa, azzera il top management, a partire da Gianfranco Ramoser ed Elio Cinquegrana

    IL 16 MAGGIO 2003 è avvenuta la dichiarazione dello stato di insolvenza della Merker Spa con la conseguente apertura della procedura giudiziaria

    LUGLIO 2003 Tre arresti e un mandato di cattura internazionale, segnano il fallimento dell'azienda con 204 milioni di euro. In carcere Gianfranco Ramoser, ex direttore generale; Ruth Hilde Salerno, consigliere d'amministrazione; Elio Cinquegrana, direttore generale succeduto a Ramoser e un mandato di cattura per Klaus Schmidt, presidente del consiglio d'amministrazione.
    Per tutti l'accusa è di concorso in bancarotta fraudolenta aggravata patrimoniale e documentale nonchè false fatturazioni.

    Noi saremo i prossimi????

    RispondiElimina
  18. La questione pastificio è alquanto "sospetta". Ci sono troppi aspetti, usando un eufemismo, che lasciano sconcertati. Sarebbe opportuno, e mi ripeto, che l'amministrazione convocasse un incontro chiarificatore con la proprietà per chiarire tutti questi aspetti.

    RispondiElimina
  19. Gianfranco Ramoser, ex direttore generale; Ruth Hilde Salerno, consigliere d'amministrazione; Elio Cinquegrana, direttore generale succeduto a Ramoser e un mandato di cattura per Klaus Schmidt... tutto vero!!! tutti conosciuti di persona, tutti e gentili e snob, a parte Cinquegrana che ha il profilo piu' da contadino!

    RispondiElimina
  20. andate a fare la ricerca sui nomi nascosti, tutti criminali patentati.
    Ramoser Gianfranco fu pure denunciato dal sottoscritto. Cinquegrana un altro roditore… PENA!
    La Merker di Tocco Da Casauria (Pescara) con la stessa regia di nomi altosonanti di provenienza svizzera, tedesca fece esattamente la stessa cosa nel 2000.
    A me mancano ancora un anno di contributi pensione e 80 mila Euro di stipendi mai pagati.
    Molti dei miei ex colleghi hanno preferito voltare pagina sentendosi impotenti, ma di fatto favorendo il ripetersi di simili truffe.
    Dietro la promssa dei posti di lavoro tutti si entusiasmano, a tutti il progetto appare possbile, a tutti improvvisamente si allargano gli orizzonti di mercato e per magia si moltiplicano i clienti e vanifica la concorrenza. Persino i politici fanno a gara per presentarsi come i sostenitori… fatevi dare i numeri, fatevi fare l’elenco dei potenziali clienti, della logistica di fornitura entrante ed uscente, l'analisi della concorrenza, i flusi completi produttivi... Non si propongono come centro spaziale, ma come produttori di beni di consumo con marginaita' estremamente basse dove c'e' poco da inventare nel 2014!!!. Passate sotto google i NOMI di tutti e fategli le domande dirette.... QUESTA GENTE HA TANTO DA NASCONDERE, sono consapevoli che l'ignoranza degli altri e' sempre stata la loro fortuna !!!
    gianluca

    RispondiElimina